Potenza, 26 ottobre 2023. “Evitare la chiusura delle scuole nei piccoli comuni che non raggiungono i parametri studiati a tavolino. Non si può parlare infatti, di contrasto allo spopolamento se prima non si parte dalla salvaguardia della presenza delle scuole per la formazione delle nuove generazioni”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese che sul tema ha presentato ieri in aula la mozione, poi approvata all’unanimità da tutti i consiglieri presenti, su ‘Abolizione del limite minimo di nelle scuole dei comuni montani, delle piccole isole e delle aree abitate da minoranze linguistiche’. Si tratta di un provvedimento che impegna il presidente Vito Bardi e la sua Giunta a portare all’attenzione della Conferenza Stato - Regioni “il tema dell’abolizione del limite numerico minimo per la formazione delle classi nelle scuole dell’infanzia primarie e secondarie dei comuni montani, delle piccole isole e delle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche”. Nella sollecitazione, l’esponente di Italia Viva parte dal caso nato a Sasso di Castalda, dove gli iscritti al plesso scolastico (Infanzia, Primaria e Secondaria) ammontano a 58 unità e dove considerando il trend delle nascite (pari a 3 - 4 bambini l’anno), c’è il rischio del ridimensionamento e soppressione della scuola dell’infanzia. Per questo nella stessa comunità si è già costituito un Comitato civico. “Questa problematica in realtà - sottolinea Polese - interessa gran parte del territorio della Regione Basilicata e che ad ogni scadenza di legge in tema di dimensionamento scolastico, grande diviene il grido di dolore proveniente dai territori interessati. Ad oggi in molti comuni lucani sono già venuti meno alcuni presidi scolastici come le scuole secondarie”. “La programmazione in materia scolastica seguita sinora, pur tenendo conto di tutte le buone azioni poste in essere a livello soprattutto locale, non ha prodotto risultati tangibili in termini di arresto del fenomeno di abbandono delle zone rurali. Per questo si rende necessaria una risoluzione radicale e strutturale della problematica”, dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale che continua: “La mozione approvata impegna ora il presidente Bardi a portare la questione in Conferenza Stato Regioni e di sostenere le richieste del Comitato Cittadino di Sasso di Castalda. Ricordo anche che in Parlamento è presente la proposta di legge numero 678, primo firmatario il deputato Amorese, per l’abolizione del limite numerico minimo delle classi nelle scuole primarie e secondarie dei comuni montani, delle piccole isole e delle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche. E’ urgente ora sollecitare l’attenzione su questa Pdl e costruire tutte le interlocuzioni politico, istituzionali e sindacali per cercare di approvarla facendola divenire patrimonio di tutti i gruppi politici   come già è stato dimostrato in Consiglio regionale ieri”.

Roma, 25 ottobre 2023 - “Con la prossima legge di Bilancio è indispensabile integrare il Fondo nazionale sugli aiuti alimentari perché altrimenti, con le lungaggini dei bandi, rischiamo che nel prossimo triennio i magazzini del Banco alimentare, della Caritas e delle migliaia di associazioni che distribuiscono generi alimentari alle persone in difficoltà attraverso pacchi alimentari, empori e mense solidali, rimangano vuoti. Si stanno esaurendo i 300 milioni stanziati dall’allora ministra Bellanova durante la pandemia, e oggi la difficile situazione economica dimostra che bisogna continuare in quella direzione”. Lo ha detto Maria Chiara Gadda, deputata di Italia Viva, nella replica al question time con il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida.

“Dopo la pandemia la povertà è di molto aumentata, anche a causa dell’inflazione. Non è pensabile paragonare la ‘Carta dedicata a te’ con il fondo per gli aiuti alimentari, le due misure si rivolgono a platee di beneficiari differenti e i 15 milioni per il 2024 confermati oggi dal ministro per gli aiuti alimentari sono troppi pochi e non consentono programmazione triennale. Bisogna riequilibrare la sproporzione in termini di stanziamenti con la carta ‘Dedicata a te’ che dà solo un bonus economico una tantum, e nemmeno a tutte le persone in difficoltà visti i paletti che ha lo strumento. Cosa ben diversa è il fondo sugli aiuti alimentari, che è una misura di sussidiarietà. Il Terzo settore risponde a bisogni sociali che non sono soltanto materiali, la distribuzione del cibo presuppone sempre anche una presa in carico della persona e delle sue difficoltà. Chiedo per questo al ministro un impegno preciso nella  prossima legge di Bilancio a rimodulare le risorse per consentire al Terzo settore di continuare la sua attività. Al contempo, è necessario ottimizzare le procedure burocratiche per la distribuzione dei generi alimentari perché se le risorse non vengono impiegate non è certo per la mancanza di bisogno o per incapacità delle associazioni, piuttosto per la macchinosità e l’onerosità dei bandi fatti da Agea”, conclude.

Potenza, 21 ottobre 2023. "Mi unisco alla preoccupazione dei nove sindaci della Val d'Agri che da un un giorno all'altro hanno visto le loro comunità private di un servizio vitale quale quello delle fermate degli autobus extraurbani". Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese rispetto all'appello lanciato ieri al Prefetto di Potenza, Michele Campanaro, dal sindaco di Spinoso, Lino De Luise a nome anche dei primi cittadini di Armento, Brienza, Gallicchio, Missanello, Montemurro, San Martino d’ Agri, San Chirico Raparo e Sasso di Castalda per un tavolo di concertazione immediato con i gestori del servizio di trasporto urbano. "Quello del trasporto extraurbano su gomma - prosegue Polese - è un servizio vitale per molti dei nostri Comuni delle aree interne. Spesso è l'unico modo per centinaia di pendolari per raggiungere il proprio posto di lavoro o di studio. Sopprimere 8 fermate isolando di fatto un intero territorio è un atto gravissimo tanto più che l'annuncio da parte di Cotrab è arrivato solo pochi giorni fa e visto che la situazione è legata a una vicenda di autorizzazioni e di sicurezza che secondo le notizie non potrebbero essere risolte prima di un paio di anni". "Va immediatamente trovata una soluzione e per questo, al netto dell'esito degli appelli al Prefetto, porrò con emergenza la questione anche a livello istituzionale regionale. Spero che si faccia tutto il possibile per risolvere l'emergenza nel minor tempo possibile", conclude il vicepresidente del Consiglio regionale, Polese.

Potenza, 16 ottobre 2023. Sono 547 i tesserati che hanno partecipato al voto in presenza, ieri dalle 10 alle 20 nei due seggi di Potenza e Matera per i Congressi di Italia Viva in Basilicata. Sono stati eletti per la presidenza nazionale Matteo Renzi; per la presidenza regionale della Basilicata, Fausto De Maria e per due presidenze provinciali, Antonio Rubino nel Potentino e Nicola Scocuzza (coordinatore regionale uscente) nel Materano.

In particolare ai seggi hanno votato 312 iscritti in provincia di Potenza e 235 tesserati in quella di Matera. Successo anche per il voto online, con l'affluenza che è stata (su scala nazionale), di 5450 voti su 6.761 preregistrati pari a più dell'80 per cento. “Si tratta - ha dichiarato a caldo Matteo Renzi - di un risultato anche perché in molti territori c’era un solo candidato”.

“Oggi parte per me una nuova sfida, prendendo la guida di Italia Viva in Basilicata. È una grande emozione per me che sono stato 11 anni fa il coordinatore regionale della prima mozione che sosteneva alle primarie la candidatura di Matteo Renzi. Un ringraziamento ai tesserati che hanno preso parte a questa bella domenica di partecipazione e democrazia che con il loro voto mi hanno legittimato a guidare il partito in Basilicata. Un ringraziamento ai due consiglieri regionali Mario Polese e Luca Braia e al coordinatore regionale uscente Nicola Scocuzza per aver individuato nella mia persona una candidatura unitaria”. Queste le prime parole del neo presidente di Italia Viva, Fausto de Maria.

“Con me ci saranno - ha aggiunto De Maria - Antonio Rubino e lo stesso Nicola Scocuzza a guidare il partito nella provincia di Potenza e in quella di Matera. Adesso ci toccherà in primis assumere un importante ruolo politico verso le elezioni regionali, e come ho detto ieri alla stampa, noi appoggeremo il candidato e la coalizione che saprà meglio rappresentare una discontinuità con gli ultimi 10 anni di Governo regionale, ricordando che noi, come a livello nazionale, siamo stati all’opposizione dell’attuale governo regionale e distanti dall’opposizione”.

 

I dettagli del voto in presenza in Basilicata:

 

Provincia di Potenza: nazionale, Matteo Renzi, 311 voti; regionale, Fausto De Maria, 311 voti; provinciale, Antonio Rubino, 311 voti.

Provincia di Matera: nazionale, Matteo Renzi, 235 voti; regionale, Fausto De Maria, 229 voti; provinciale, Nicola Scocuzza, 233 voti.

 

I dettagli del voto online in Basilicata:

Regionale Fausto De Maria, 123 voti
Provinciale di Potenza, Antonio Rubino 69 voti
Provincia di Matera, Nicola Scocuzza 45 voti

Conferenza stampa dei Consiglieri della Federazione di Centro. Presenti Daniela Pandolfo e Alessandro Albano, in rappresentanza degli idonei di Arlab e Regione

 

POTENZA - Si è svolta stamani, presso la sala A del palazzo del Consiglio regionale, la conferenza stampa dei consiglieri della Federazione di Centro in merito alle iniziative a favore dello scorrimento delle graduatorie degli idonei dei concorsi dell’Arlab e dell’ente Regione Basilicata.  Presenti, oltre ai consiglieri Mario Polese, Gino Giorgetti, Dina Sileo e Luca Braia, i delegati per gli idonei dell’Arlab, Daniela Pandolfo e per quelli della Regione, Alessandro Albano.

 La mozione, a firma dei consiglieri Baldassarre, Braia, Giorgetti, Polese e Sileo, vuole dare equa risposta alle legittime istanze dei cittadini lucani che hanno conseguito l’idoneità nei concorsi pubblici banditi dalla regione Basilicata e dall’Agenzia regionale lavoro Basilicata (Arlab) nel corso dell’anno 2022 ed ha l’obiettivo di impegnare la Giunta affinchè dia seguito ad atti al fine di contenere e razionalizzare i costi volti alla selezione del personale regionale e delle aziende e/o enti pubblici strumentali della stessa. In particolare, si mira alla proroga delle graduatorie ed alla possibilità di una eventuale utilizzazione delle stesse per scorrimenti futuri. Tanto allo scopo di modificare quanto previsto dai relativi bandi di concorso ed in deroga alla normativa in vigore.

Ad aprire la conferenza stampa, il vice presidente del Consiglio regionale ed esponente di Italia viva, Mario Polese, il quale ha subito sottolineato che “la mozione, che sarà presentata già nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale, sia stata messa in campo in sinergia con i comitati e con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sulla legittimità degli idonei al concorso”. Il Consigliere regionale ha poi precisato come “questo impegno vada oltre la dinamica mediatica e che è costruito sulla proposta presentata, tenendo conto di tutte la azioni da attuare attinenti alla normativa regionale e nazionale. Polese ha concluso affermando che “la ferma volontà di giungere alle stabilizzazioni non si ferma qui, ma che si sta lavorando in maniera attiva e con la massima attenzione anche sulla platea dei precari Covid, con un occhio attento alla prossima Finanziaria nazionale”.

La parola, quindi, al consigliere del gruppo Misto, Gino Giorgetti, primo firmatario della mozione, che ha parlato della necessaria verifica di disponibilità dei posti,“coscienti che si farà il possibile per poter attuare tutte le politiche possibili per lo scorrimento delle graduatorie”, evidenziando come “l’operazione non sarà attuabile nell’immediato, ma nel tempo, con l’obiettivo però, ben chiaro, di poter aprire tutte le liste, ivi comprese quelle degli enti sub regionali ed inserirle sul portale nazionale del lavoro”. 

 Lo giusto spazio riservato ai comitati, con Daniela Pandolfo, delegata per gli idonei dell’Arlab, che ha denunciato “la poca trasparenza nei rapporti con Arlab, con interlocuzioni assenti o vecchie di mesi a seguito di conferenze, appelli e incontri con i sindacati. Ci consideriamo – ha sostenuto - un prezioso capitale umano non certamente di serie B, ma con competenze utili alla crescita della nostra regione”.

 Alessandro Albano, per il comitato degli idonei in Regione, ha snocciolato numeri importanti sulla questione: “con oltre 900 idonei in graduatoria – ha detto - di cui solo poco oltre cento assunti, a fronte degli 800 rimasti fuori. Fa specie che la Regione Basilicata faccia continuo ricorso a collaboratori esterni che attualmente sono 746. Da considerare che la Regione Lombardia annovera solo quattro collaboratori esterni di cui uno a titolo gratuito. Occorre, quindi, attuare le giuste politiche straordinarie per il lavoro, dando il giusto corrispettivo a chi ha dimostrato di avere professionalità e competenze e di poter essere di concreto supporto all’ente Regione”.

Nel suo intervento, Luca Braia, capogruppo di Italia viva, ha detto: “Il deficit di prestazione della Pubblica amministrazione di Basilicata é cosi alto che é evidente la necessità di risorse umane qualificate da inserire stabilmente in pianta organica. Gli spazi assunzionali esistenti annualmente ed i budget da bilancio ordinario disponibili per le assunzioni devono guardare alle graduatorie esistenti per i profili professionali già selezionati nei concorsi espletati. Molti sono i profili per i quali andrebbero fatti i concorsi a partire dagli agronomi forestali totalmente dimenticati. Nulla c'entrano altre platee che sono finanziati da fondi europei che se da una parte certificano la necessità di personale dall'altro rendono possibile l'utilizzo dei fondi europei che hanno una tempistica definita e comunque temporanea”.

 A concludere la consigliera regionale e presidente della quarta Commissione consiliare, Dina Sileo, la quale, con decisione, ha messo in evidenza come questo sia “un gruppo di rappresentanti istituzionali prima ancora che politici attenti alle tematiche ed alle problematiche inerenti la vita della Basilicata. Tra le nostre attenzioni principali – ha sottolineato-  con le dovute azioni messe in campo sicuramente quelle legate alle criticità del lavoro, cercando di evitare improduttive guerre tra poveri e tutelando sempre e comunque il diritto al lavoro che è un diritto di tutti. È mia intenzione – ha concluso Sileo - portare la discussione nella quarta Commissione da me presieduta, convocando i responsabili dell’Arlab e i due comitati degli idonei”.

 

Potenza, 3 ottobre 2023. “La notizia che è stato elevato il valore del buono pasto da 5 a 7 euro con tetto massimo del numero mensile fissato a 10 al mese per i dipendenti delle Aziende sanitarie locali, rappresenta un accordo di fondamentale importanza. E’ stata una battaglia su cui ho investito tempo ed energie e oggi, grazie anche al lavoro dei sindacati, sono felice che ciò sia arrivato a un giusto compromesso”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale Mario Polese che aggiunge: “Già nei primi giorni del 2023 il Consiglio regionale all’unanimità ha approvato una mia mozione in cui si chiedeva al presidente della Regione Vito Bardi e alla sua Giunta, di adeguare il sistema di erogazione dei buoni pasto e oggi, con il lavoro unitario di sindacati ed Ente, si raggiunge un traguardo importante in termini di equità e lavoro". “Si tratta di un riconoscimento importante che equipara per diritto i dipendenti delle Aziende sanitarie locali a tutti gli altri dipendenti pubblici, infatti ho sempre ritenuto incomprensibile come si potesse pensare o valutare personale di serie A o serie B anche in termini di servizi essenziali. Un mio impegno arrivato oggi a una conclusione importante in termini di dignità ed equità grazie a un lavoro di squadra unitario tra politica e sindacati, in una fase di grandi crisi sociali ed economiche in cui anche qualche decina di euro possono essere vitali per famiglie e lavoratori tutti”, conclude Polese.

Potenza, 2 ottobre 2023. Si svolgerà mercoledì mattina, 4 ottobre 2023, alle ore 10 e 30, presso la Sala A del Palazzo del Consiglio regionale della Basilicata a Potenza, la conferenza stampa di presentazione delle iniziative a favore dello scorrimento delle graduatorie degli idonei dei concorsi dell’Arlab e dell’ente Regione Basilicata. La conferenza - già anticipata lo scorso 20 settembre a margine dell’incontro che i consiglieri regionali Mario Polese e Gino Giorgetti svolsero con una delegazione degli idonei di Arlab ed Ente Regione - servirà ad anticipare alla stampa le iniziative che i due consiglieri insieme agli altri esponenti consiliari della Federazione di centro porteranno all’attenzione del Consiglio regionale nella seduta che si svolgerà sempre mercoledì dalle ore 15. Alla conferenza, alla quale parteciperanno anche gli altri consiglieri di Centro, interverranno per gli idonei dell’Arlab la dottoressa Daniela Pandolfo e per quelli della Regione il dottor Alessandro Albano.

Potenza, 2 ottobre 2023.  "Trovo inaccettabile ciò che sta subendo ancora una volta la comunità di Maratea. La chiusura della Ss18 a Castrocucco e la conseguente interruzione dei collegamenti con la Calabria e la Fondovalle del Noce mette nuovamente in ginocchio le sorti economiche e sociali dei cittadini e delle attività turistiche e commerciali”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale di Basilicata, Mario Polese di Italia Viva che sottolinea: “Non è vero che questa chiusura faceva parte di accordi già previsti; seguo la questione da anni ormai. La verità è che siamo ai limiti dell’assurdo: chiudere la Ss18 nel momento in cui Maratea è sprovvista anche di un distributore di benzina vuol dire mettere i cittadini nella condizione paradossale di fare 40km solo per poter fare rifornimento. È imbarazzante, anche alla luce del caro benzina di questi giorni”. “Oltretutto - aggiunge Polese - al danno si aggiunge anche la beffa: con il clima ancora mite di questi giorni la chiusura della Ss18 scoraggia l’arrivo dei turisti e impedisce alle attività turistiche e commerciali di beneficiare di questa coda di estate.  Senza contare il disagio di studenti e pendolari in concomitanza con l'inizio dell'anno scolastico”. “Per tutte queste ragioni sollecito Anas a spiegare tutte le ragioni di questa decisione e a provvedere una proroga della chiusura della Ss18 alla luce dei numerosi disagi che ancora attanagliano la Perla del Tirreno. Auspico che a questa mia azione si uniscano anche la Regione Basilicata e l'amministrazione comunale di Maratea. Non ha senso parlare di progetti ambiziosi e destagionalizzazione se si continua a limitare l'ordinario di una delle località e zone più belle della nostra regione e non solo”, conclude il vicepresidente del Consiglio regionale.

POTENZA, 29 settembre 2023. “Dare supporto e testimonianza alle associazioni di volontariato, che operano con eccellenza e passione per sostenere praticamente i malati e le loro famiglie nella lunga e spesso dolorosa battaglia contro il cancro, è un dovere delle istituzioni. Con questo spirito oggi abbiamo voluto dimostrare vicinanza all’associazione ‘Agata – volontari contro il cancro’ e all’Irccs Crob di Rionero dove stamattina è stata inaugurata la ‘Stanza di Agata’. Un luogo accogliente dove da oggi i malati di cancro e i loro familiari potranno essere ospitati e sostenuti anche nelle più semplici operazioni quotidiane che, per chi ha bisogno, possono diventare un servizio vitale”. Lo dichiarano i consiglieri regionali della Federazione di centro, Dina Sileo, Mario Polese e Gino Giorgetti che hanno partecipato alla manifestazione di inaugurazione della stanza a cui erano presenti tutti i vertici dirigenziali del Crob tra cui la commissaria Pulvirenti e l’assessore regionale Fanelli. “In un luogo simbolo del dolore ma anche della speranza e dell’eccellenza sanitaria lucana abbiamo voluto esprimere personalmente alla presidente di Agata, Rosa Gentile e alla fondatrice dell’associazione di volontariato, Mirna Mastronardi il nostro plauso e ringraziamento a nome dell’istituzione che rappresentiamo per un’opera così meritoria per tutta la nostra Basilicata e i suoi cittadini pazienti. L’entusiasmo e la determinazione di tutte le donne e gli uomini di ‘Agata’ e con loro del mondo del volontariato sono una risorsa straordinaria. Ricordiamo l’impegno su tutto il territorio lucano così come è accaduto poche settimane fa al Madonna delle Grazie di Matera dove è stata inaugurata la sede dell’associazione Komen con la partecipazione del nostro collega consigliere Luca Braia”, concludono i tre consiglieri. 

POTENZA, 29 settembre 2023. “Dare supporto e testimonianza alle associazioni di volontariato, che operano con eccellenza e passione per sostenere praticamente i malati e le loro famiglie nella lunga e spesso dolorosa battaglia contro il cancro, è un dovere delle istituzioni. Con questo spirito oggi abbiamo voluto dimostrare vicinanza all’associazione ‘Agata – volontari contro il cancro’ e all’Irccs Crob di Rionero dove stamattina è stata inaugurata la ‘Stanza di Agata’. Un luogo accogliente dove da oggi i malati di cancro e i loro familiari potranno essere ospitati e sostenuti anche nelle più semplici operazioni quotidiane che, per chi ha bisogno, possono diventare un servizio vitale”. Lo dichiarano i consiglieri regionali della Federazione di centro, Dina Sileo, Mario Polese e Gino Giorgetti che hanno partecipato alla manifestazione di inaugurazione della stanza a cui erano presenti tutti i vertici dirigenziali del Crob tra cui la commissaria Pulvirenti e l’assessore regionale Fanelli. “In un luogo simbolo del dolore ma anche della speranza e dell’eccellenza sanitaria lucana abbiamo voluto esprimere personalmente alla presidente di Agata, Rosa Gentile e alla fondatrice dell’associazione di volontariato, Mirna Mastronardi il nostro plauso e ringraziamento a nome dell’istituzione che rappresentiamo per un’opera così meritoria per tutta la nostra Basilicata e i suoi cittadini pazienti. L’entusiasmo e la determinazione di tutte le donne e gli uomini di ‘Agata’ e con loro del mondo del volontariato sono una risorsa straordinaria. Ricordiamo l’impegno su tutto il territorio lucano così come è accaduto poche settimane fa al Madonna delle Grazie di Matera dove è stata inaugurata la sede dell’associazione Komen con la partecipazione del nostro collega consigliere Luca Braia”, concludono i tre consiglieri. 

 

Potenza, 26 settembre 2023. “Alla luce dell’incontro promosso dalle sigle sindacali sul caro affitti, e da uno studio da loro promosso in cui emerge il triste dato per cui uno studente su tre non riesce a pagare l’affitto in Basilicata, sorge spontaneo rimettere al centro dell’operato politico il Bonus studente promosso e proposto lo scorso maggio dal gruppo consiliare di Italia Viva in Regione Basilicata”. Lo rende noto il vicepresidente del Consiglio regionale, Mario Polese di Italia Viva.

Si ricorda che l'articolo 24 della legge numero 11 del 2023, approvato all’interno della Legge di Stabilità, prevede l’istituzione del ‘Bonus Studente’ per gli studenti universitari lucani. Calcolato in base all’Isee del nucleo familiare, mira a incrementare le iscrizioni all’Università di Basilicata e a stimolare anche l’economia locale.

 

“Dopo la fase di approvazione in Consiglio dell’emendamento che mi vedeva primo firmatario - spiega l’esponente di Iv - la Giunta regionale doveva definire le modalità di assegnazione delle risorse, con il beneficio gestito in collaborazione con le istituzioni responsabili del Diritto allo Studio. Considerato che sono trascorsi 60 giorni dall’entrata in vigore della legge e che quindi la stessa Giunta doveva disciplinare i criteri e le modalità per l’assegnazione delle risorse con una delibera ed emanare l’avviso pubblico, mi chiedo a che punto sia il procedimento su questo tema così importante, con un anno accademico alle porte che incombe e nessuna notizia in merito”.

 

“Per questo - dichiara Polese - chiedo alla Giunta Bardi di rimettere al centro della propria agenda politica il Bonus studente e la conseguente attuazione dell’avvio delle procedure per utilizzare le risorse necessarie e reperirne nuove. Il caro affitti sta mettendo letteralmente in ginocchio numerose famiglie, già alle prese con rincari di ogni sorta e che non possono privarsi o privare un loro figlio della possibilità di un diritto fondamentale e importante che è lo studio”.

 

“Non vogliamo che una legge che serve a dare slancio e vitalità alla nostra regione finisca nel dimenticatoio, soprattutto se questa riguarda e guarda al futuro delle nuove generazioni e alla salute economica e culturale di molte famiglie lucane. Si sente tanto parlare di emigrazione studentesca e ora che abbiamo una legge che tende a combattere questa piaga non viene discussa o presa in considerazione? Confidiamo in una rapida accelerata da parte della Giunta Bardi”, conclude Polese.

Potenza, 20 settembre 2023. Stamattina i consiglieri regionali della federazione di Centro, Mario Polese di Italia Viva e Gino Giorgetti del Gruppo Misto hanno incontrato una delegazione degli idonei delle graduatorie dei concorsi dell’Arlab e dell’ente Regione Basilicata. L’incontro è stata l’occasione per un confronto sulle necessità e gli strumenti da mettere in campo per dare risposte definitive agli aspiranti circa lo scorrimento e l’utilizzo delle stesse graduatorie. Alla luce dell’incontro i due consiglieri di Centro hanno assunto l’impegno di presentare nella prossima seduta di Consiglio regionale, prevista per martedì prossimo, atti e proposte che saranno formalizzate istituzionalmente. In particolare si prevede una mozione finalizzata a delle proposte per l’utilizzo delle graduatorie da parte della Regione e dei suoi enti strumentali e degli altri enti pubblici. Il tutto sarà annunciato e presentato nella conferenza stampa che anticiperà i lavori consiliari alla quale parteciperanno anche gli altri consiglieri di Centro. 

Potenza, 20 settembre 2023 – “Lo sciopero di lunedì scorso degli operai Stellantis e dell'indotto di Melfi rappresenta un grido di allarme che la politica lucana, e nazionale non può ignorare. Servono certezze sul futuro di lavoratori e famiglie che da sempre, sostengono una parte importante e fondamentale per l'economia lucana”. A riferirlo in una nota è il consigliere regionale di Italia Viva e vice presidente dell'assise Mario Polese il quale, dopo una interlocuzione con il referente e consigliere comunale Iv di Lavello, Mauro Aliano, chiede azioni immediate per sminare la situazione precaria in cui versano i lavoratori dell'automotive lucana. Questione che, per le possibili ripercussioni negative, preoccupa tutto il territorio a Nord del capoluogo di regione. “Non mancano certezze solo sul famoso quinto modello - aggiungono in maniera congiunta Polese e Aliano - ma vige anche una tremenda instabilità per quanto riguarda i sovraccarichi di lavoro dovuti anche a turni arrangiati a causa di mancanza di unità lavorative, con operai ormai in esodo verso lo stabilimento di Pomigliano”. E ancora spiegano i due esponenti di Iv: “Altro punto di domanda sta nel capire quanto sia provvisoria o definitiva questa decisione, con operai che restano a Pomigliano per tre mesi con soggiorno in albergo o con una diaria. Chi ci rassicura che ciò non sia oggetto poi di proroga? Questa scelta dell'esodo quasi forzato appare al quanto discutibile ed evidenzia le mancate risposte dell’azienda sull’organizzazione del lavoro, su sicurezza e carichi di lavoro. Non si possono lasciare in balia degli eventi migliaia di famiglie che risentono di mancate risposte dell’azienda sull’organizzazione del lavoro, su sicurezza e carichi di lavoro, oltre che all'oscuro delle decisioni sui nuovi modelli”.  Polese quindi conclude con un impegno: “Bene la convocazione di una riunione il prossimo 27 settembre con i sindacati, ma nelle prossime ore chiederò anche io al presidente della Giunta regionale, Vito Bardi, anche alla luce dei suoi recenti incontri con il ministro Urso, di venire in Consiglio e riferire sulle azioni che il governo regionale intende intraprendere per tutelare il futuro automotive in Basilicata e con questo anche il destino migliaia di famiglie e lavoratori”.

Cerca nel sito


 


Mario Polese

Tel. 0971447129

WhatsApp 329 03 46 206

segreteriapolese@gmail.com


 


 

© 2017 @mariopolese